Tour dell’Umbria

Tour dell'Umbria

Nel magnifico paesaggio collinare dell'Umbria potrete esplorare conventi e abbazie assaporando l'autenticità di una regione fatta di borghi e paesi medievali. L'Umbria è uno spettacolo della natura.

Percorso medio /facile con qualche saliscendi e qualche breve salita per raggiungere le città. Le tappe tra Spoleto, Todi e Orvieto presentano un dislivello più impegnativo. Il chilometraggio medio di ogni tappa si aggira intorno ai 50 km, dove sono previste soste con degustazione di prodotti tipici del territorio, avrete tutto il tempo per pedalare e ammirare questo territorio.

Prezzo pacchetto

890 € con noleggio E-Bike consigliato per il percorso impegnativo
750 € con noleggio bike (mtb, city bike, bici ibride) a persona per camera doppia

Bambini 0-3 anni FREE nel letto con i genitori / Bambini 4-8 anni -50% / Bambini 9-12 anni -30% / Bambini oltre 12 anni -10%
Le proposte pacchetto, fanno riferimento a sistemazioni in Base Matrimoniale o Appartamento. Eventuali supplementi singola/doppia uso singola dovranno essere calcolati a parte.
Caratteristiche di esigenza: Possibilità di accorciare le tappe del tour: giorno 2-3-4-8-9
Collegamenti in treno tra le città del tour: giorno 2-3-4-7-8-9

Giorno 1: Passignano

-Sistemazione in Hotel, cocktail di benvenuto e briefing informativo per il tour.

-consegna bike e materiale

Inizio Tour - Passignano - Perugia

  • Difficoltà facile

“olio e vino sulle rive del Lago Trasimeno”

Itinerario di 50 km circa, tratti lungo il percorso verde del Lago Trasimeno, seguendo per lunghi tratti la strada del Vino e dell' Olio. É vincolato come Parco Regionale e la sua superficie circolare incastonata tra morbide colline ricoperte da ulivi e pianure coltivate è di grande interesse naturalistico.

Visita di antichi borghi, Montecolognola e Monte del Lago dove si gode di una bella vista sul lago Trasimeno. E il piccolo Borgo medievale di Corciano.

punti chiave:

  • Passignano
  • Monte del lago“degustazione Pesce e Olio/Vino”
    • Magione
  • Montecolognola
  • Corciano
  • Perugia

Giorno 3 - Perugia - Assisi

  • Difficoltà facile

“Tra maioliche e vino”

Itinerario di circa 50 km. Si passa per Deruta, famosa per la produzione di maioliche, da vedere la porta San Michele Arcangelo ai cui lati ci sono tracce dell’antica cinta muraria, la piazzetta Biordo Michelotti, su cui si affaccia la Chiesa di San Michele Arcangelo con facciata romano-gotica, la piazza dei consoli con il Palazzo Comunale. E Torgiano con visita presso il Museo del Vino, uno dei più famosi musei  enologici in italia, ed il Museo dell'Olivo e dell'Olio immerso in un piccolo nucleo di abitazioni medievali all'interno delle mura. A Cannara interessanti la Chiesa di San Biagio, esempio di tardo romantico umbro, la Chiesa di San Matteo e Chiesa di San Sebastiano, sede della pinacoteca. Bevagna antico centro che mantiene ancora intatta la sua struttura medioevale, ma conserva ancora numerose testimonianze di epoca romana. Meritano una visita, Piazza Silvestri, il Palazzo dei Consoli, le chiese romantiche di San Silvestro e e di San Michele, la Chiesa di San Domenico e Giacomo e la Chiesa di San Francesco.

Assisi dichiarato dall'Unesco patrimonio mondiale dell'Umanità, meritano una visita la basilica di San Francesco, la basilica di Santa Chiara e il convento di San Domenico e la Rocca Maggiore luoghi simbolo della spiritualità.

Punti chiave:

  • Deruta
    • Torgiano ” ingresso museo del vino”
  • Cannara
  • Santa Maria degli Angeli

Giorno 4 - Assisi - Spoleto

  • Difficoltà media.

“ Dall’antica via degli Ulivi alle strade del Sagrantino di montefalco”

Itinerario suggestivo di circa 50 km, passando per il centro storico di Spello, con caratteristiche medievali, il teatro, l'anfiteatro, le terme e il cosiddetto Arco di Augusto, antica porta di accesso all'acropoli da visitare la Chiesa di Santa Maria Maggiore affreschi del Pinturicchio e dipinti del Perugino. Appena fuori Spello l'antica Villa Fidelia dove sorgevano il Tempio di Venere, il Teatro e le Terme. Montefalco, famoso per il vino del Sagrantino, che per le sue splendide visuali è considerata “la terrazza sull’ Umbria”, visita alla chiesa di San Francesco, la Pinacoteca e la cripta il Borgo è racchiuso nella cinta muraria duecentesca dominato dalla Chiesa di Sant'Agostino. Spoleto una delle più belle cittadine del centro Italia, che accanto ad evidenti influssi di epoca romana, mantiene intatte la struttura di epoca medievale. Il monumento più importante della Città dei due Mondi è il Duomo, ma interessanti sono anche la chiesa di Sant'Eufemia, la chiesa dei Santi Giovanni e Paolo,l'abbazia di San Ponziano, la chiesa di San Domenico e la chiesa di San Nicolò ed il palazzo Comunale. Di grande interesse la chiesa di San Paolo inter vineas (X secolo), con un importante ciclo di affreschi del 1200, e la chiesa di San Pietro, eretta nel V secolo, con una splendida facciata scultorea romanica ornata con straordinari bassorilievi. Sopra la città si erge l'imponente Rocca albornoziana, realizzata a partire dal 1352. 
Nei dintorni, di grande interesse naturalistico e spirituale il Bosco sacro di Monteluco, con una fitta vegetazione di leccio sempreverde. 

Punti chiave:

  • Spello
  • Montefalco “degustazione cibo e del buon vino”

Giorno 5 - Spoleto - Todi

  • Difficoltà media.

Questo itinerario di circa 50 km, parte da Spoleto e si sviluppa nel cuore dell'Umbria, sulle colline dei Monti Martani. Il percorso è vallonato, senza pendenze particolarmente accentuate, la salita più importante è quella che porta a Todi, cinta da tre concentriche cerchia di mura, è tra le cittadine umbre con il più ricco patrimonio artistico e culturale. 
In particolare, da non perdere sono la splendida piazza del Popolo, una delle più belle d'Italia, dove si affacciano i volumi monumentali dei palazzi laici e del complesso religioso: palazzo del Podestàpalazzo dei Priori, realizzato tra il 1334 ed il 1347 in forme gotiche e con una torre quadrangolare, palazzo del Capitano del Popolo (fine XIII secolo) ed il Duomo. 

Giorno 6 - Todi - Orvieto

  • Difficoltà media.

“Da todi a Orvieto costeggiando il lago di Corbara”

Questo itinerario di circa 50 km, si sviluppa sulle colline che sovrastano il bacino artificiale di Corbara, tocca due città d'arte di importanza mondiale come Orvieto e Todi, ma allo stesso tempo si snoda tra scenari di grande interesse naturalistico, offrendo scorci paesaggistici dalla bellezza mozzafiato. Orvieto è una delle città più famose del centro Italia e dispone di un patrimonio artistico e culturale tra i più ricchi dell'Umbria. In particolare, tra gli edifici più belli segnaliamo il Duomo, una delle più maestose realizzazioni dell'architettura italiana, opera di Lorenzo Maitani (XIII secolo), la chiesa di San Giovenale, la chiesa di San Giovanni, la chiesa di Sant'Andrea, la chiesa di San Lorenzo de' Arari, la chiesa di San Francesco (XIII secolo) e la chiesa di San Domenico (XIII secolo), che conserva il monumento funebre al Cardinal de Braye di Arnolfo di Cambio. Tra gli edifici pubblici più rappresentativi: palazzo Comunalepalazzo del Popolopalazzo dei Sette ed il teatro Comunale Luigi Mancinelli

Singolare la visita al pozzo di San Patrizio, capolavoro di ingegneria profondo 62 metri, è formato da due scale elicoidali indipendenti che permettevano di scendere al fondo per prendere l'acqua senza incontrasi con chi risaliva. Sotto la città si nasconde la suggestiva Orvieto sotterranea, dove un incredibile numero di cavità artificiali danno vita ad un intricato labirinto di cunicoli, gallerie, cisterne, pozzi, cave e cantine. Appena fuori dalle mura la necropoli etrusca del Crocifisso del Tufo (IV-V secolo a.C.) con tombe a camera costruite con blocchi di tufo e identificate con il nome del capostipite inciso sull'architrave. 
Lungo l'itinerario attorno al lago meritano una visita i borghi di ProdoMontecchioBaschi e soprattutto Civitella del Lago, famosa per la sua posizione panoramica che la rende una vera terrazza sul lago di Corbara. Da apprezzare, inoltre, le infinite bellezze naturalistiche, tra le quali si distinguono in particolare le Gole del Forello, con il Tevere che si insinua tra alte pareti rocciose di travertino creando scenari stupendi. A Scoppieto, notevole la fabbrica di ceramica romana del I secolo rinvenuta nei pressi del lago: scoperta di recente, l'area archeologica fu un importante centro di produzione romano di ceramiche e terrecotte. Attraverso il Tevere sottostante venivano trasportate fino a Roma da dove, attraverso il Mar Mediterraneo raggiungevano le città affacciate su di esso.

Giorno 7 - Orvieto - Città della Pieve

Difficoltà medio/ impegnativo

“Colline e tufo tra Orvieto e Città della pieve”

Itinerario di circa 50 km, partenza da Orvieto e arrivo a Città della Pieve, centro etrusco-romano che per gran parte ha mantenuto intatta la sua struttura antica. Tra gli edifici di maggior pregio ci sono il Duomo, che conserva le opere di due grandi pittori di Città della Pieve, il Perugino ed il Pomarancio, e la chiesa di Santa Maria dei Bianchi, dove si trova la straordinaria “Adorazione dei Magi" del Perugino.

Notevoli sono anche la Rocca (1326), con cinque torri, il palazzo della Corgna (XVI secolo), palazzo Bandini (XVI secolo), palazzo della Fargna (XVIII secolo), sede del Comune, e palazzo Baglioni, del XVIII secolo.Il paese di Allerona, che emerge tra i boschi a pochi chilometri dalla riserva demaniale di Selva di Meana, stupenda area forestale all'interno della quale si può ammirare Villa Cahen, unico esempio di architettura liberty in Umbria con giardino all'italiana. Nella stessa zona si trova il Parco di Villalba, suggestiva area boscata attrezzata di oltre 20 ettari, presenta caratteristiche di pregio sia per la flora (boschi ad alto fusto, aceri, frassini, faggi, frassinella, molte specie di rose ed orchidee selvatiche) che per la fauna (cinghiali, daini e caprioli).

I borghi di Fabro e Ficulle, che dalla loro posizione rialzato dominano le valli sottostanti offrendo splendidi panorami sulle bellezze paesaggistiche di questa zona.

A pochi chilometri da Ficulle, da vedere anche il castello della Sala, tipico esempio di architettura medievale (XII-XIII secolo) appartenuto ai Monaldeschi che ne fecero un fortilizio inespugnabile

Punti chiave:

  • Orvieto

  • Fabbro “degustazione”

  • Monteleone di Orvieto

  • Citta della Pieve

Giorno 8 - Città della Pieve - Montepulciano

  • Difficoltà medio/ impegnativo

 Itinerario di circa 40 km, difficoltà media. Con tratti di strada sterrati nella bella ondulata campagna che caratterizza questa parte del territorio compreso tra i laghi Trasimeno, Montepulciano e Chiusi. Arrivo a Montepulciano è una città medievale in collina della Toscana. Circondata da vigneti, è conosciuta per il suo vino rosso Nobile. La Torre di Pulcinella è una torre dell'orologio sormontata da Pulcinella, una delle figure della commedia dell'arte. Piazza Grande ospita il Palazzo Comunale del XIV secolo, con una torre che offre una vista sulla campagna circostante, e il Duomo.

Punti chiave:

  • Città della pieve

  • Chiusi

  • Chianciano “degustazione”

  • Montepulciano

Giorno 9 - Montepulciano - Passignano sul Trasimeno - Fine Tour

  • Difficoltà media.

Itinerario di circa 52 km, passaggio per Cortona e arrivo a Passignano, che mantiene ancora intatto il suo aspetto di borgo fortificato protetto da mura e dalla Rocca. Tra gli edifici di pregio artistico si segnalano la Chiesa di San Cristoforo la quattrocentesca Chiesa di San Rocco, di Chiesa di San Bernardino e l’Oratorio di San Rocco.

Da non dimenticare l’opportunità di effettuare un viaggio in traghetto per visitare Isola Maggiore e Isola Polvese.

Punti chiave:

  • Cortona” degustazione”

Fine tour

l'itinerario include:

  • 8 pernottamenti con mezza pensione Agriturismo/country centro benessere
  • Soste organizzate con visite culturali
  • 8 itinerari di percorso
  • Supporto logistico
  • Noleggio bicicletta ( E-Bike, mtb, bici ibride a seconda delle esigenze) kit di riparazione, lucchetto, casco, fanali.
  • Materiale informativo con tutti i livelli di difficoltà, orari e punti di interesse
  • Assistenza h24

l'itinerario Non include:

  • 8 aperitivi (assaggi delle usanze gastronomiche del posto) / pranzi al sacco / pranzi presso taverna ristorante caratteristico
  • Assistenza meccanica
  • Servizio guida turistica con accompagnatore
  • Possibilità su richiesta trasporto in aeroporto/stazione ferroviaria
  • Ingressi extra e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”

Book your break